Portogallo pronto a uscire dall’euro

    Il Primo Ministro portoghese José Socrates lo ha detto esplicitamente. Ed è la prima volta che un capo di governo paventa l’ipotesi così apertamente. Oggi il premier portoghese, rilevando come il Portogallo rischi di non uscire ancora dalla crisi, ha minacciato o forse pre-annunciato che il suo Paese è disposto a uscire dall’euro, se la crisi si protraesse.

    Negli ultimi mesi, infatti, si sono addensate forti pressioni internazionali sulla penisola iberica, oltre che su Grecia e Irlanda, per intraprendere un serio e profondo piano di austerità, che abbassi in modo notevole l’indebitamento crescente e insostenibile di tali stati.

    La paura di Socrates è che un piano di forte austerità possa far esplodere tensioni sociali nel Paese.

    Un problema non di poco conto. Ora si vedrà se la minaccia portoghese è solo un modo per ritorcere le pressioni subite sulla UE, evitando un ulteriore declassamento del proprio rating, quindi giocando di attacco, o se si tratta del primo Paese seriamente intenzionato ad abbandonare l’Euro.

    Ricerca personalizzata