Premier League, 15.a giornata: frenano le grandi

Colpi di scena, pareggi inaspettati e tonfi clamorosi. La quindicesima giornata di Premier League non ci fa mancare davvero nulla e ci lascia l’idea di un campionato davvero aperto e combattuto per ogni traguardo possibile, dal primato alla salvezza, passando per i posti in Europa.

Frena l’Arsenal che in casa non riesce ad andare oltre l’1-1 contro un ottimo Everton, bellissima realtà del calcio inglese, capace di poter dar fastidio davvero a chiunque. Non basta ai padroni di casa la rete di Ozil a dieci minuti dal termine perchè i Toffees riacciuffano il pareggio con Deulofeu, un ragazzo davvero promettente di proprietà del Barcellona e di cui sicuramente sentiremo parlare nei prossimi anni.

Non approfittano del piccolo passo falso della capolista né il Manchester City, fermato sull’ 1-1 dal Southampton, né il Chelsea che addirittura viene sconfitto per 3-2 dallo Stoke City, attirando forti critiche vista la discontinuità di risultati e prestazioni offerte dagli uomini di Mourinho.
Le reti di Peter Crouch, Ireland e quella allo scadere di Assaidi rendono vana quindi l’ottima doppietta di Schürrle e aprono i processi in casa Blues. Lo Special One dovrà davvero tirar fuori dal cilindro una soluzione alle terribili prestazioni offerte dai suoi ragazzi in trasferta.
Anche il City rallenta, come vi abbiamo detto, contro un ottimo Southampton che interrompe così la serie di sconfitte di fila. Per i padroni di casa splendida rete del “nostro” Osvaldo mentre per il City è sempre Kun Aguero a timbrare il cartellino.

Crolla nuovamente il Manchester United che, perdendo in casa per 0-1 (Cabaye) contro il Newcastle, certifica così l’inizio di campionato davvero incerto che li vede noni, a -13 dalla vetta, non vincenti da 4 partite e soprattutto nostalgici della guida di Sir Alex Ferguson.
L’unica inseguitrice a vincere è il Liverpool che si porta così al secondo posto a 5 lunghezze dall’Arsenal capolista.
I Reds superano brillantemente il West Ham per 4-1 (2 autoreti, Suarez, Sakho, autogol Skrtel) e scavalcano così Chelsea e City.
Molto bene anche il Tottenham che si impone in casa del Sunderland per 1-2. Black Cats in vantaggio con Johnson ma rimontati da Paulinho e da una sfortunata autorete di O’Shea.

Si infiamma anche la bagarre in zona retrocessione con la vittoria per 2-0 del Crystal Palace sul Cardiff (Jerome, Chamack), lo 0-2 del Norwich sul WBA (Hooper, Fer) e soprattutto il 2-0 del Fulham sull’Aston Villa (Sidwell e Berbatov) con i padroni di casa che interrompono così la disastrosa striscia di sei sconfitte consecutive e si rilanciano in classifca.
Aspettando il Monday Night di domani tra Swansea ed Hull, la quindicesima giornata di Premier League ci lascia una situazione davvero incerta e combattuta per ogni possibile traguardo. L’auspicio è che questa incertezza possa durare fino al termine del campionato, regalandoci una stagione ad alto spettacolo.

Ricerca personalizzata