Roberto Bolle porta al cinema il ‘Notre-Dame de Paris’

Pronunciare il nome di Roberto Bolle è pronunciare la parola danza. Roberto Bolle è la danza, è l’eleganza, la forza, la passione, l’armonia, la vitalità. Roberto Bolle riesce a rendere bello persino il deforme. Non una deformità metaforica, ma fisica. La deformità più famosa della letteratura, quella del Gobbo di Notre Dame. Rappresentato al Teatro alla Scala di Milano nel febbraio 2013, il balletto diventa un film evento unico, distribuito in 150 sale cinematografiche italiane nelle date uniche del 16, 17 e 18 dicembre.

Grazie a Rai e Microcinema Distribuzione e all’accurato lavoro di postproduzione ed edizione (riprese in HD e audio 5.1) approda sul grande schermo la storia drammatica raccontata da Victor Hugo nel suo “Notre-Dame de Paris”, pubblicato nel 1831, in cui la sofferenza fisica del deforme campanaro della cattedrale parigina (Quasimodo) diventa il tragico tormento dell’amore impossibile per la bella gitana Esmeralda.

Per le coreografie di Roland Petit, le musiche di Maurice Jarre, le scene di Rene’ Allio, Roberto Bolle nei panni di Quasimodo dà vita a un’interpretazione emozionante accanto a Natalia Osipova (Esmeralda), prima ballerina del Teatro Mikhailovskij e dell’American Ballet Theatre, e i primi ballerini Mick Zeni (Frollo) e Eris Nezha (Phoebus).

Quattro personaggi che danzano con il travolgente destino che diventerà amore folle fino alla morte, sullo sfondo immobile e dirompente della cattedrale di Notre-Dame, spettatrice e protagonista di questo dramma, con un Roberto Bolle indimenticabile nel tentativo di trasmettere la dolorosa lotta interiore di un uomo travolto dai suoi sentimenti e impotente di fronte all’amore non ricambiato. “La sfida è tirare fuori la bellezza interiore”, ha dichiarato l’etoile che ha saputo mettersi alla prova con l’aiuto dal trucco e dai costumi di Yves Saint-Laurent.

Uno spettacolo totalizzante, che cattura lo spettatore avvolgendolo in un trionfo di danza, costumi, scenografia e musiche perfettamente riassunte nelle movenze divine dei ballerini sul palcoscenico.
L’elenco completo delle sale è su www.microcinema.eu.

Ricerca personalizzata