Rugby: Italia-Australia, gli azzurri alla ricerca della storia

Torino si prepara alla festa del rugby. Dopo cinque anni torna nel capoluogo piemontese la nazionale italiana per il primo Cariparma test match che vedrà il XV guidato da Jacques Brunel impegnato nell’avvincente sfida contro l’Australia. Proprio lo scorso novembre la formazione azzurra arrivò ad un passo dalla vittoria contro i monumentali “Wallabies“, in una gara dal doppio volto dove gli azzurri sotto di diciannove punti nel primo tempo, riuscirono stoicamente a recuperarne sedici nel secondo, sfiorando di tre punti l’impresa.

L’Italia arriva a questi test match autunnali con un bagaglio d’esperienza esaltato dalle brillanti vittorie contro Francia e Irlanda nell’ultimo Sei Nazioni, tuttavia le recenti prestazioni non all’altezza fornite nei test match primaverili hanno riportato gli azzurri con i piedi per terra.
C’è comunque entusiasmo in casa azzurra, come testimonia il capitano Sergio Parisse : “Siamo consapevoli di poterli battere, ma anche di poter prendere 40-50 punti al passivo.” – Dice il numero 8 dello Stade Français Paris che sabato firmerà il suo 99° cap con la nazionale, continuando :
Sabato dovremo fare ottanta minuti di grande rugby per poter essere vicini nel punteggio fino alla fine e raggiungere un risultato storico’‘.
Non si sbilancia invece il CT Brunel, già proiettato al mondiale del 2015 : “Siamo a due anni dalla rassegna iridata, finora abbiamo fatto un percorso interessante, ma dobbiamo alzare il livello. Questi tre test match di novembre saranno una tappa importante per il nostro progetto”.
Due sorprese tra i convocati da Brunel che dovrà fare a meno degli infortunati Minto e Favaro: Tommaso Iannone, mediano d’apertura delle Zebre Parma, all’esordio tra le fila azzurre insieme a Tommaso Allan, italo scozzese numero 10 del Perpignan.

L’Australia si affida al carisma e alla forza di un “mostro sacro” del rugby come Quade Cooper per evitare una debacle come quella subita lo scorso sabato contro l’Inghilterra a Twickenham. Gli uomini di Ewen McKenzie sono reduci da sei sconfitte nelle ultime otto gare ed ora hanno gli occhi della stampa “australe” puntati addosso. L’Italia è sicuramente l’avversario più facile con cui si confronteranno i “Wallabies” in questo tour di novembre, ma la pressione mediatica a cui sono sottoposti gli australiani non permetterà loro di sottovalutare il XV azzurro, come tiene a precisare l’ala Adam Ashley Cooper: “Hanno disputato un ottimo Sei Nazioni, così guarderanno a questa partita assaporando il gusto di avere la giusta chance per batterci. Non giochiamo spesso contro di loro, quindi per noi il loro gioco è imprevedibile e questo è pericoloso.” Anche Hooper, flanker australiano tiene la guardia alta : “E’ una squadra che ci mette tanta passione, e una volta che prendono coraggio e confidenza diventano pericolosi. Quindi dobbiamo evitarlo.”
Il CT McKenzie dovrà fare a meno di Scott Fardy, terza linea, che ha riportato un trauma cranico nella sconfitta contro l’Inghilterra.

Cariparma Test Match 2013:

Italia-Australia, 09/11/2013, ore 15, Stadio Olimpico di Torino

Italia: 15 Luke Mclean, 14 Tommaso Benvenuti, 13 Luca Morisi, 12 Alberto Sgarbi, 11 Leonardo Sarto, 10 Alberto Di Bernardo, 9 Edoardo Gori, 8 Sergio Parisse, 7 Robert Barbieri, 6 Alessandro Zanni, 5 Marco Bortolami, 4 Antonio Pavanello, 3 Martin Castrogiovanni, 2 Davide Giazzon, 1 Michele Rizzo
A disposizione: 16 Leonardo Ghiraldini, 17 Matias Aguero, 18 Lorenzo Cittadini, 19 Quintin Geldenhuys, 20 Joshua Furno, 21 Tobias Botes, 22 Tommaso Allan, 23 Tommaso Iannone

Australia: 15 Israel Folau, 14 Adam Ashley Cooper, 13 Tevita Kuridrani, 12 Matt Toomua, 11 Nick Cummins, 10 Quade Cooper, 9 Will Genia, 8 Ben Mowen, 7 Michael Hooper, 6 Rob Simmons, 5 James Horwill, 4 Sitaleki Timani, 3 Ben Alexander, 2 Stephen Moore, 1 James Slipper
A disposizione : 16 Saia Fanigaa, 17 Benn Robinson, 18 Sekope Kepu, 19 Dave Dennis, 20 LIam Gill, 21 Nic White, 22 Christian Lealifano, 23 Joe Tomane.

Ricerca personalizzata