Russia: cani sommersi dalla neve all'interno dei canili

La perturbazione glaciale che ha investito la Russia nei giorni scorsi sta facendo registrare ingenti danni. Vittime del freddo intenso sono molti animali rinchiusi all’interno dei canili e delle strutture private.

È una vera e propria emergenza quella in cui si trovano i volontari del canile di Glina che da giorni lottano per spalare quanta più neve è possibile e permettere agli animali ospitati nella struttura di riuscire a sopravvivere.

Il peso della neve caduta in tutti questi giorni grava pesantemente sulle gabbie e sui box in cui sono ospitati gli animali. Per molti l’uscita è bloccata e il pericolo è che questi animali possano morire a causa del freddo e della mancanza di aria. Attualmente sono circa 100 i volontari impegnati nelle operazioni di soccorso e molti cani sono stati portati in salvo ed ospitati presso abitazioni private, fino a quando l’emergenza non sarà definitivamente rientrata.

Non è stata ancora fatta una stima sul numero di cani salvati, ma si prevede un lavoro intenso per la messa in sicurezza degli altri cani ospitati.

Ricerca personalizzata