Saldi al via. E c’è chi arriva in negozio seminudo

La mattina del 4 gennaio sono partiti i saldi invernali tanto attesi da milioni di famiglie.
Fiumi di persone si sono riversate nella capitale, nei centri commerciali, nelle vie più alla moda delle grandi città come Torino e Milano.
Ma non solo in Italia, i saldi invernali sono iniziati anche in Inghilterra, in Spagna, in Francia, più o meno ovunque.

Ed è proprio dall’Inghilterra, più precisamente da Londra, che arriva la “tradizione” del seminaked party durante le prime aperture dei negozi nei giorni di saldi.
Di cosa stiamo parlando? Parliamo di code interminabile fuori i più grandi brand di moda; non code normali, bensì code di clienti mezzi nudi, vestiti solo della loro biancheria intima, pronti, a dispetto di ogni previsione meteo, a correre nel negozio per potersi vestire da capo a piedi senza spendere un centesimo.

Ai primi cento clienti di una nota marca spagnola, infatti, è stato regalato ciò che hanno scelto e indossato, a tutti gli altri sono stati fatto sconti fino al 50%.
A Torino alcuni partecipanti hanno iniziato, addirittura, a mettersi in coda la notte precedente, armati di coraggio e un po’ di faccia tosta.

Così tra lo stupore di turisti e passanti, in giro per le vie dello shopping a caccia di occasioni imperdibili, decine e decine di persone hanno atteso, solo in biancheria intima, il loro turno per entrare nel negozio, scegliere un vestito, provarlo e portarlo a casa, completamente gratis.
[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=PMlyqQvdQbw[/youtube]
Anche questo sarà un effetto della crisi? Sicuramente ai fashion addicted che sono tornati a casa con un capo trendy e non pagato non dispiacerà affatto questo lato della medaglia.

[Credits: Dailymail]

Ricerca personalizzata