Sanremo, seconda serata: fuori 4 Big e sul palco la sfida tra i giovani

Si è conclusa ieri la seconda serata del 62esimo Festival di Sanremo, e ancora una volta la musica però pur essendo di qualità sembra far fatica ad emergere. Se nella prima serata lo spazio è stato lasciato alla politica, ieri ci hanno pensato i siparietti delle vallette dell’anno scorso con la nuova arrivata Ivana Mrazova.

Per fortuna lo show è andato avanti: finalmente ieri le eliminazioni sono potute avvenire tranquillamente e a non poter continuare il viaggio sanremese sono Irene Fornaciari, le due coppie novità di quest’anno Carone-Dalla e Bertè-D’Alessio e purtroppo i Marlene Kuntz. Interessante il pezzo della band, ma forse troppo distante dai canoni del festival.

Riescono invece a passare il turno con grande piacere Samuele Bersani ed Eugenio Finardi che tengono alto il nome di una musica impegnata d’autore. Le vere donne protagoniste del Festival riconfermano le interessanti performance della prima serata e riescono a farcela Nina Zilli, Chiara Civello, Noemi, Emma e una straordinaria Dolcenera tra le più brillanti del Festival con la sua intensa “Ci vediamo a casa”. Ancora in gara restano Francesco Renga, Matia Bazar e con un certo stupore anche Arisa.

Tendenzialmente la musica, che sembra essere la parte più interessante di questo Festival e che forse conferma quello “stupore” di cui parlava Morandi riferendosi ai brani in gara, fa fatica ad emergere: per una volta che i pezzi sembrano essere migliori delle aspettative si finisce per parlarne davvero poco, e se l’attenzione si è concentrata sulla sfida canora ieri è stato solo per l’attesa delle eliminazioni.

Sempre poco si è parlato dei giovani, costretti a queste piccole sfide per accorciare i tempi: rispetto all’anno scorso i giovani concorrenti non hanno avuto la possibilità di avere il palco tutto per loro, ma l’hanno condiviso durante la loro performance con Morandi e il loro sfidante.

A passare il turno tra i giovani, le cui performance quest’anno stupiscono un po’ meno dei Big, sono Alessandro Casillo, Iononhovoglia, Guazzone ed Erica Mou, che si conferma essere la scoperta più interessante di questo Festival. Senza dubbio ha bisogno di crescere, ma può promettere davvero bene.

Performance poco convincente e giù di tono quella del dj internazionale Martin Solveig: ospite di cui si poteva anche fare a meno e che non ha partecipato con molta convinzione al siparietto organizzato dal compagno di viaggio di Morandi Rocco Papaleo.

In ogni caso stasera il Festival prosegue: stasera sarà la serata dei duetti internazionali, e i 4 big elimnati avranno la possibilità di rigiocarsi il Festival con il famoso ripescaggio.

Ricerca personalizzata