Asmallworld, il social network esclusivista e a pagamento

Nel I secolo a.C. Strabone scrisse la Geografia, la prima opera dedicata ai viaggiatori; nel XXI secolo Erik Wachtmeister ha creato Asmallworld (ASW) il primo social network per i turisti.
Inizialmente basato sui guadagni dati dalla pubblicità, a partire dal 2009 il maggior azionista Patrick Liotard-Vogt ha dato ad ASW un modello aziendale autonomo, per proporre «un valore reale per i soci». Come Facebook, è caratterizzato da profili, uno sharing di foto, un sistema di messaggistica privata, un forum, una bacheca di annunci e un calendario di eventi esclusivi. Asmallworld si differenzia però nettamente dal popolare social network, poiché i suoi utenti diventano membri di una comunità esclusiva, che permetterà loro di «sentirsi a casa ovunque».

All’accettazione della domanda d’iscrizione, è inviata a ognuno una tessera associativa ideata dall’attore e designer Waris Ahluwalia. Come la lampada di Aladino, questo rettangolino, permette di realizzare ogni desiderio del viaggiatore: «accessi a concerti ed eventi internazionali; offerte e sconti per viaggi, beni di lusso e soggiorni; associazione omaggio al The World Finest Club, che garantisce l’entrata gratuita a 120 nightclub esclusivi; servizio di trasferimento auto gratuito negli aeroporti di Milano, Londra, New York e Parigi; guide ASW create per i soci aggiornate quotidianamente». Oltre ciò, come piccolo benvenuto, l’associazione dona ad ogni nuovo membro «un soggiorno gratuito di una settimana con un ospite presso il Kittitian Hill nei Caraibi»!

Perché non puntare subito il proprio cursore sull’icona per iscriversi? Semplice, bisogna possedere dei requisiti per ricevere la tassa d’adesione ed è proprio questa l’ultima e definitiva caratteristica che lo pone agli antipodi rispetto a Facebook: Asmallworld è un social network esclusivo, snob, a pagamento.

I requisiti per poter entrare nel mondo magico di questo social network sono due: un alto reddito annuale, informazione senza la quale è impossibile inviare il modulo d’iscrizione e un’adeguata motivazione su cosa si aspetta di ricevere e soprattutto di dare una volta membri. Inizialmente erano sufficienti soddisfacenti risposte a queste domande per ricevere il bollettino per l’annuale tassa associativa, destinata in parte ad opere di beneficenza. Dal 2013, però, l’iscrizione a Asmallworld è diventata esclusivista: si può inviare la propria domanda di adesione solo se si è stati invitati da un amico. Questa norma è stata introdotta dalla presidentessa Sabine Heller, per garantire un’ulteriore selezione sui membri sempre soggetti ad espulsione se non più reputati idonei. Non a caso, sono molte le star che fanno parte di Asmallworld, una su tutte l’attrice Olivia Wilde.

Attualmente ASMALLWORLD è l’unico social network sul turismo ma, con la sua politica esclusivista, riuscirà come scritto nella guida di Strabone, a consigliare ai suoi membri gli itinerari per conoscere l’anima delle località?

Ricerca personalizzata