In vendita all’asta i primi bozzetti di Karl Lagerfeld

Tiziani: Lagerfeld + Liz“, questo il titolo dell’asta, organizzata alla Palm Beach Modern in Florida l’11 gennaio, che interesserà l’intero archivio della casa di moda Tiziani. La rinomata casa di moda Tiziani è stata aperta a Roma nel 1963 dal designer americano Evans Richards, che disegnava abiti per clienti come Doris Duke, Gina Lollobrigida e la principessa Borghese, e vanta la collaborazione di Karl Lagerfeld, che diventò suo compagno di couturier e rimase in azienda fino al 1969.

Basta il nome Lagerfeld per attirare l’attenzione di tutti. Il designer dal look inconfondibile per la sua coda di cavallo bianco e gli occhiali da sole neri ha sempre dettato la moda. Lagerfeld che ha costruito la sua leggenda attraverso le sue collaborazioni con Chloe, Fendi e Chanel, di cui è ancora la punta di diamante.

La maggior parte dei disegni all’asta, composta da circa 300 pezzi, deriva dalla straordinaria collaborazione di Lagerfeld con Tiziani, assieme a fotografie e corrispondenza con l’attrice Elizabeth Taylor. Infatti nel 1960, il Tiziani ha disegnato i costumi cinematografici e abiti di Elizabeth Taylor e altre celebrità. I dettagli di Lagerfeld nei bozzetti per Taylor si distinguono tra la folla, come gli orecchini, gli orli dei vestiti, l’assetto delle giacca o le tonalità di ombretto, mostravano già da allora la creatività del giovane Karl e continuano ad essere ancora oggi elementi riconoscibile del suo tocco nelle collezioni della storica etichetta francese Chanel.

Rico Baca, banditore e co-proprietario della casa d’asta West Palm Beach, spera che l’atteggiamento e la firma Lagerfeld attiri acquirenti per l’asta di schizzi, essendo il momento clou. Baca ha detto di non poter stimare il valore dell’archivio unico nel suo complesso, ma di partire con un prezzo di $500 per ogni bozzetto. “Non doveva essere arte, ma sono passati 50 anni, ed è diventata l’arte perché è stato fatto da Lagerfeld“, ha commentato Baca.

Fortunatamente, gli schizzi sono sopravvissuti perché non sono stati lasciati nelle mani di Lagerfeld, che nel 2007, li aveva cestinati, non credendoli di grande valore. “Si tratta di opere d’arte. Non credo che la gente metta molto impegno nel bozzetti di oggi” queste le parole di Bill Hamilton, che ha disegnato per Carolina Herrera per 17 anni e ora progetta per clienti privati.

Chi riuscirà ad accaparrarsi questi pezzi meravigliosi della storia della moda? Staremo a vedere…

Ricerca personalizzata